Press "Enter" to skip to content

De-acidificazione del corpo-di cosa si tratta e vale la pena farla?

„Un organismo acidificato è un organismo malato” – almeno è quello che dicono i sostenitori della dieta alcalina. I produttori integratori di dispositivi che analizzano l’acqua si superano a vicenda nel formulare nuove tesi concernenti l’impatto di una dieta acidofila per la nostra salute. Iniziano con i mal di testa, i disturbi della scarsa energia. Infine, spaventano il lettore facendo credere che il cibo ‘cattivo’ può portare a malattie serie, come l’insufficenza renale. In tutto questo è facile perdersi e lasciarsi ingannare. Naturalmente, c’è un granello di verità in ogni informazione, non importa quanto ridicola possa sembrare.

detoxyn banner

Tabella dei contenuti

  1. Acidità, alcalinità – cosa significa?
  2. Equlibrio acido-base – cos’è e come funziona?
  3. Prodotti acidi e alcalini
  4. La dieta è importante?
  5. Metodi per de-acidificare il corpo
  6. Sommario

Acidità, alcalinità – cosa significa?

Per capire le basi, torneremo per un momento alla lezione di chimica della scuola primaria. Ognuno di noi ricorda l’asse orizzontale, sul quale è segnato al centro il numero 7 (foto 1). Questa è la scala del pH, dove 7 è assegnato alle sostanze neutre. Sul lato sinistro, cioè per un pH inferiore a 7, abbiamo gli acidi e sul lato destro le basi. Pertanto, sappiamo già che una sostanza può avere una reazione acida, alcalina o neutra, e se qualcosa è leggermente acido o leggermente alcalino in generale non avrà importanza, quindi non dobbiamo dividere ulteriormente il nostro asse.

Ora è necessario passare a un livello didattico leggermente più impegnativo, vale a dire la scuola superiore o l’università. Il concetto di pH corporeo appare qui. I diversi organi del nostro corpo differiscono nel loro ambiente. Si può osservare un pH basso (acido), ad esempio, nello stomaco o nelle perdite vaginali, anche la pelle ha un pH acido. La reazione alcalina, tuttavia, è ad esempio la secrezione biliare o pancreatica. Pertanto, possiamo vedere che il pH è relativamente costante e caratteristico per i fluidi / organo dati. Diversi meccanismi sono responsabili del suo comportamento, che in una persona sana funziona perfettamente.

Quando parliamo di “acidificazione” del corpo, spesso intendiamo cambiamenti nel sangue e nel liquido interstiziale. Hanno un pH compreso tra 7,35 e 7,45 e qualsiasi fluttuazione al di sotto o al di sopra di questi valori può essere pericolosa per la salute e persino per la vita. Ecco perché l’equilibrio acido-base è così importante. Meccanismi come il sistema tampone del sangue e dei tessuti (bicarbonato, emoglobina, proteine ​​e fosfato) sono coinvolti nel suo mantenimento.

Equlibrio acido-base – cos’è e come funziona?

Acidosi o alcalosi possono effettivamente esserci nel corpo. Entrambe hanno due sottotipi ciascuna, acidosi o alcalosi respiratoria e metabolica.

L’acidosi respiratoria si verifica quando l’escrezione di anidride carbonica attraverso i polmoni viene disturbata, ad es. quando un paziente soffre di insufficienza cardiopolmonare. La pressione parziale dell’anidride carbonica nel sangue quindi aumenta. Il meccanismo di compensazione è, tra le altre cose, un aumento della concentrazione di bicarbonati nel sangue. L’acidosi metabolica si verifica quando prodotti metabolici acidi come i chetoacidi o l’urea si accumulano nel sangue. Questo è quando è necessaria una respirazione più frequente per sbarazzarsi di troppa CO2.

Equlibrio acido-base

Il principio è invertire le situazioni sopra descritte. Nel caso della respirazione si tratta di respirazione accelerata, nel caso della respirazione metabolica, con aumento della concentrazione di bicarbonati e perdita di ioni idrogeno e potassio, ad es. a causa di vomito o diarrea.

Gli esempi precedenti sono piuttosto estremi. Mostrano che la dieta “alcalina” e il suo presunto miglioramento del benessere non sono rilevanti per quei disturbi corporei più gravi, dove meccanismi di regolazione efficaci o un’azione appropriata da parte dei medici sono una condizione per invertire la situazione.

Prodotti acidi e alcalini

La questione del cibo è piuttosto complicata. C’è una divisione in prodotti acidi e basici, ma l’elenco differisce secondo la visione dell’autore. Esiste, tuttavia, un parametro che può consentire di fugare i dubbi su questo tema.

Stiamo parlando del coefficiente PRAL, o Potential Renal Acid Load., È stato creato sulla base dell’influenza del consumo dei singoli prodotti sul pH delle urine, e quindi sulla capacità di caricare i reni di acidi. Tiene conto del contenuto di magnesio, fosforo, potassio, calcio e proteine ​​negli alimenti. Un valore PRAL negativo significa per noi che il prodotto ha proprietà alcalinizzanti e un valore PRAL positivo significa che ha proprietà acidificanti.

Gli scienziati affermano che per mantenere il corretto pH delle urine, dovrebbero essere assunti quotidianamente prodotti con un PRAL totale compreso tra 60 e -10. In pratica, questo non significa che dobbiamo seguire qualcosa come una “dieta di disacidificazione”.

detoxyn banner

Qual è la divisione dei prodotti in quelli con un rapporto positivo e negativo? I prodotti alcalini sono quasi tutte le verdure e la frutta e loro preparati, miele, zucchero, margarina e oli vegetali, caffè e alcol, soia e prodotti a base di esso. I prodotti acidificanti includono carne, pesce e latticini, burro, prodotti a base di cereali, uova, coca-cola e noci. Da osservazioni più interessanti vale la pena aggiungere che zucchero, miele e latte sono più vicini a 0, quindi il loro potenziale alcalino o acidogenico è piccolo.

La dieta è importante?

Se il cibo può effettivamente acidificare o deacidificare, esiste un modo per “deacidificare” il corpo? Se lo guardiamo in prospettiva binaria, sicuramente no.

La dieta influenza il cambiamento del pH del sangue in modo quasi impercettibile. Può aumentare o diminuire di appena 0,01-0,02. Cambiamenti molto più grandi si osservano nelle urine (circa 1), ma la misurazione del suo pH non ha davvero nulla da dire sulla nostra dieta.

La dieta è importante

È vero che una dieta ricca di prodotti che formano acidi può contribuire a un maggior rischio di insorgenza di calcoli renali. Ma, d’altra parte, abbiamo gli spinaci o il rabarbaro, che pur avendo un effetto alcalinizzante, se consumati troppo causano calcoli di acido ossalico. Naturalmente, questa è una grande semplificazione, ma mostra che nulla è solo nero e solo bianco. Cibo con alto PRAL in eccesso aumenta anche il rischio di ipertensione, perché forniamo poco potassio.

Una dieta ricca di prodotti acidificanti può anche aumentare il rischio di molte altre malattie. Gli studi dimostrano che la presenza di cibi ad alto contenuto di PRAL può contribuire allo sviluppo di insulino-resistenza o diabete di tipo 2.

C’è anche molta speculazione nel contesto del cancro, ma rimane solo una speculazione. Perché non ci sono ancora ricerche su questo.

Si parla tanto anche di osteoporosi, perché una dieta acidificante espelle il calcio dalle ossa. Non c’è bisogno di cercare studi strettamente dedicati all’influenza dei prodotti acidificanti, perché i vegani, che hanno una densità minerale ossea inferiore del 6% rispetto agli onnivori, sono un perfetto esempio della falsità di questa tesi. E allora? Nei pochi paragrafi precedenti troviamo informazioni che i prodotti vegetali sono alcalini o, come preferiamo, deacidificanti. Possiamo stare calmi riguardo al calcio. La dieta acida è una dieta ricca di proteine ​​e questo aumenta l’assorbimento del calcio così bene che troppo calcio viene semplicemente rimosso. Non proviene dalle ossa, come hanno dimostrato gli studi isotopici.

Metodi per de-acidificare il corpo

Siamo giunti alla conclusione che la dieta non influisce sull’acidificazione o sull’alcalinizzazione o, per essere più precisi, non influisce nel modo in cui vorremmo. E il tuo benessere dopo una dieta disacidificante?

Il problema è altrove. Quando esaminiamo l’elenco dei prodotti acidi e alcalini, vediamo una cosa molto importante. Non abbiamo una dieta sana con dei prodotti ad alto PRAL, perché mancano quelli più importanti, ovvero verdura e frutta. Come consigliato, dovremmo consumarne un minimo di 500 grammi, e preferibilmente mezzo piatto dovrebbe essere composto da verdura.

Quindi una dieta di disacidificazione non sarà altro che una dieta basata su un elevato consumo di frutta e verdura. Questi prodotti sono una vera bomba vitaminica, ricchi di minerali, polifenoli e altre sostanze attive. Se non abbiamo mai mangiato “verde” prima, si potranno vedere gli effetti del miglioramento di salute e benessere.

Metodi per de-acidificare il corpo

Un’altra questione è l’eccessiva demonizzazione dei prodotti acidificanti. Se non li consumiamo, potremmo avere altri disturbi. La stessa alcalinizzazione delle urine non avrà un effetto benefico sullo stato del sistema genito-urinario. Tuttavia, ti ricordiamo che la dieta non deve svolgere alcun ruolo nei cambiamenti del pH delle urine. Tra gli alimenti con PRAL positivo abbiamo, ad esempio, la frutta a guscio, che è ricca di acidi grassi polinsaturi e ha un effetto benefico sulla salute dell’organismo. Possiamo anche trovare prodotti a base di latte fermentato che supportano il sistema microbico e immunitario. Il PRAL negativo, ad esempio, ha lo zucchero, che non bisogna vedere spesso in una dieta sana.

Quindi se abbiamo paura di mangiare troppe cose acide e i prossimi articoli che leggeremo ci fanno solo più paura, possiamo usare una procedura semplice. Proviamo a sostituire 1/3 di ciò che mangiamo con la verdura e meno con la frutta. Possiamo scommettere anche su una dieta vegana, ma non rinunciamo a noci e baccelli, perché si tratta di un’importante fonte di grassi e proteine. Consumiamo 4 o 5 pasti al giorno, a intervalli uguali, e rinunciamo ai prodotti processati ea quelli ricchi di carboidrati semplici, IG alti e grassi saturi. Quando passiamo dal mangiare fuori a pasti sani a casa, noteremo risultati migliori rispetto alle “diete miracolose”. L’equilibrio è la cosa più importante, quindi non esagerare con i prodotti di nessuno dei gruppi.

detoxyn banner

Consigliamo solo analizzatori d’acqua o acqua alcalina già pronta se hai troppi soldi.

Sommario

Non ci sono prove scientifiche che una dieta alcalina abbia benefici per la salute. Spesso le raccomandazioni sono così drastiche che veniamo rapidamente spinti verso carenze nutrizionali. Pertanto, come per tutto, la moderazione è importante. Sappiamo già che la dieta non acidifica o alcalinizza in modo significativo e dovremmo utilizzare prodotti di entrambi i gruppi per garantire che la nostra alimentazione sia il più sana ed equilibrata possibile. I prodotti disacidificanti non sono migliori dei prodotti acidificanti, ma dovremmo consumare più frutta e verdura. I prodotti con PRAL positivo non sono dannosi, ma non dovremmo esagerare con la carne rossa e altri prodotti zoonotici ricchi di grassi.

Invece di cercare ulteriori modi miracolosi per migliorare la salute, partiamo da zero e cambiamo le abitudini di base per migliori e più sane. Crediamo semplicemente in una dieta sana.

Classifica delle pillole dimagranti
nuovo-inizio.com
nuovo-inizio.com

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nuovo-inizio.com | Tutti i diritti riservati