Press "Enter" to skip to content

Fibre vitali-cosa sono e come funzionano?

Le fibre vitali sono alimenti, o piuttosto un ingrediente che è conosciuto e apprezzato da anni. La scelta giusta del tipo della fonte aiuterà non solo con la costipazione ma con altre malattie. Molte persone sono interessate principalmente per quanto riguarda la terapia dimagrante e hanno ragione a farlo. Tuttavia, cosa sono le fibre vitali? È sempre la stessa componente? È qualcosa di completamente diverso?

fibre select

Tabella dei contenuti

  1. Fibre dietetiche
  2. Fonti di fibre dietetiche
  3. Fibre vitali

Fibre dietetiche

Per capire meglio l’argomento, vale la pena dare un’occhiata alle fibre stesse.

La fibra dietetica è un carboidrato. I carboidrati vengono divisi in assimilabili e non assimilabili. Il secondo gruppo include l’ingrediente argomento della discussione. I carboidrati assimilabili sono quelli che vengono completamente digeriti e assorbiti, mentre quelli non assorbibili vengono solo parzialmente digeriti oppure non digeriti. Le fibre non venivano associate ad alcun valore nutrizionale. Oggi, è noto che 1 g fornisce una media di 2 kcal.

Le fibre dietetiche vengono divise in due tipi. Fibre solubili, che includono pectina, emicellulosa, gomma, beta-glucano, mucillagine e inulina, parzialmente solubili in acqua. I batteri intestinali producono acidi grassi a catena breve da essi. Le fibre solubili rallentano il passaggio intestinale, dando la sensazione di sazietà, riducono anche l’assorbimento di colesterolo, questo ne riduce la concentrazione nel sangue.

Le fibre insolubili, come cellulosa, emicellulosa, lignina, invece si legano all’acqua e quindi aumentano la massa fecale, questo facilita i movimenti intestinali. Inoltre si legano alle tossine nell’intestino e facilitano la loro rimozione.

L’aveva dietetica inoltre stimola la funzione della masticazione e può prevenire lo sviluppo del cancro colorettale o dei diverticoli di questo organo. Inoltre riduce la concentrazione di glucosio e insulina dopo un pasto.

I requisiti di fibre dietetiche sono di almeno 25 g al giorno per un adulto. Con l’età, la scorta può essere ridotta a meno che non si verifichi la costipazione. Per le persone colpite da diarrea viene raccomandato una dieta facilmente digeribile, e quindi la scorta di fibra dietetica deve essere ridotta.

Troppe fibre nella dieta comportano il rischio di un peggior assorbimento dei minerali. Inoltre interagiscono con alcuni medicinali, quindi bisogna sempre leggere il bugiardino o consultare il medico o il farmacista.

Fonti di fibre dietetiche

Le fibre si trovano solitamente nei cereali, come crusca, fiocchi d’avena, pane, riso e simili. Grosse quantità di fibre possono essere fornita anche mangiando noci, verdure e frutta con la buccia. Anche i succhi ne presentano piccole quantità, a patto che non vengano verificati.,

Tabella 1. Contenuto di fibre dei prodotti alimentari [6]

Prodotto Contenuto di fibre [g/100 g di prodotto].
semole di grano saraceno 5,9
semole d’orzo 5,4
riso integrale 8,7
riso bianco 2,4
patatine di mais 7,6
crusca di frumento 42,4
fiocchi di segale 11,6
panino di grahamka 6,7
pane di segale 8
pane alle prugne 7
briciole di pane 6,1
sesamo 7,9
succo di carota e arancia 1,7
succo d’uva / arancia 0,1
banane 1,7
more 3,2
more 5,3
ribes 7,7
lamponi 6,7
pesche, arance, mandarini 1,9
Uva 1,5
pesche secche 10,3
cavolfiore, broccoli 2,4
fagioli bianchi 15,7
fagioli rossi 25
fagioli asparagi 3,9
fagioli broan 5,8
piselli 15
piselli verdi 6
sedano, prezzemolo (radice) 4,9
Rafano 7,3
crauti 2,1
scaglie di cocco 21,1

Quando si consumano grandi quantità di fibre, bisogna ricordare di assumere grandi quantità di fluidi. Senza, le fibre non funzionano e, di conseguenza, si sviluppa costipazione.

Fibre vitali

è difficile risolvere il mistero o dell’origine di questo nome. È ancora più difficile determinare esattamente quante fibre si trovano in un prodotto.

Prodotto chiamato fibra vitale è composto dai semi e dai gusci dei semi di due piante, ossia platano (Plantago psyllium) e melanzana (P. ovata). Secondo licenza di polacchi, la fibra vitale è una frazione insolubile della fibra dietetica. Ci sono alcune spiegazioni per questo, ma non interamente.

Fibre vitali

Ci si può trovare la fibra insolubile. Le fonti non dichiarano quale pianta con ne contiene di più. Una volta si vedono le informazioni che il platano è una fonte di fibre solubili, una volta vengono dichiarate insolubili. Tuttavia, l’ampia maggioranza è a favore della seconda versione. La melanzana di rimando contiene più fibre solubili. Nel contesto del prodotto, possiamo avere un vantaggio della frazione insolubile, poiché la fibra vitale ne contiene l’80% del platano il 20% della melanzana. Queste proporzioni sono immutate, anche se talvolta possiamo trovare i semi di lino invece che la P. ovata.

Non è mai il caso che un prodotto contiene solo fibre solubili o solo insolubili. Bisogna tenere questo a mente. Perciò è più sicuro supporre che siano fonte di entrambi i tipi di fibre.

Entrambe le specie provengono dalle regioni meridionali, le caratteristiche di entrambi sono note da secoli. Si usavano per aumentare la sazietà, ma anche per le malattie del tratto respiratorio superiore o per il mal di testa, e anche nei problemi di pelle. La melanzana ha delle proprietà simili.

Come funziona la fibra dietetica?

La fibra a vitale alle caratteristiche di entrambi i tipi di fibra dietetica. Dato che troviamo più frazioni insolubili nella miscela, agisce contro la costipazione. I cereali legano maggiore quantità di acqua e aumentare la massa fecale, che spingendo sulle pareti intestinali stimola i movimenti della peristalsi.

fibre select banner

La fibra insolubile inoltre si vincola alle tossine nell’intestino, facilitando la loro secrezioni. Inoltre ha un effetto dimostrato sul mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue e sul ridurre l’emissione di insulina. Perciò, può essere un preventivo per il diabete di tipo 2 e per la sindrome metabolica.

Come funziona la fibra dietetica

La fibra solubile, d’altra parte, migliora il profilo lipidico e può ridurre l’intensità della diarrea. Regola semplicemente il ritmo naturale dei movimenti intestinali. Se combinata con l’acqua, promuove la formazione di un gel che riempie lo stomaco riduce la sensazione di fame. I movimenti intestinali più lenti possono regolare i livelli di glucosio nel sangue.

Entrambi i tipi di fibra hanno un effetto benefico inoltre sui microrganismi microbici intestinali.

Dimagrimento e fibre vitali

Per quanto riguarda le fibre e la loro efficacia, sorge la domanda sul fatto che abbia senso o no usarla per il dimagrimento.

Il fatto è che in questo modo aumenta la sazietà dopo un pasto. Il dimagrimento significa mangiare di meno e le fibre vitali possono decisamente aiutare. Più fibre inoltre significa meno calorie. In aggiunta, gli effetti sul metabolismo dei carboidrati e dei lipidi riducono il rischio di malattie relative alla dieta, che spesso accompagna l’obesità e sovrappeso.

Anche l’impatto sui microbi è significativo. Una dieta ricca di fibre aumenta il numero di Bacteroidetes, che sono il dominio delle persone.

Dimagrimento e fibre vitali

Ha senso una sua integrazione? Se avete un problema minimo di 25 g, sì. Tuttavia, in una dieta dimagrante, è meglio semplicemente aumentare il consumo di frutta, verdura, cereali e lenticchie. Aggiungendo un cucchiaio di fibre vitali i nostri passi durante la giornata, abbiamo metà dei requisiti giornalieri. Ecco perché è importante fare attenzione con il resto dei prodotti in modo da non strafare con la quantità di fibre dietetiche e non svilupparla diarrea. È meglio coprire i requisiti con i prodotti standard che di fibre. Il volume di un pasto a più alto indice saturazione può essere aumentato con tutti i pasti.

fibre select banner

È consentito consumare magari un cucchiaio di semi di lino quando mangiamo qualcosa di rapido e vogliamo sentirci sazi più a lungo. Come mostra la ricerca, l’aggiunta di piccole quantità di fibre vitali allo yogurt aumenta significativamente la sazietà, più del doppio. Tuttavia, dobbiamo accertarci di non superare i 40-50 g di fibre al giorno senza una raccomandazione chiara. Inoltre, prestate attenzione a medicinali che assumete poiché non interferiscano con il loro effetto.

Conclusione: un buon prodotto, ma decisamente non necessario.

Classifica delle pillole dimagranti
nuovo-inizio.com
nuovo-inizio.com

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nuovo-inizio.com | Tutti i diritti riservati